L’isola di Hvar

L’isola soleggiata di Hvar, questa lunga striscia di terra, bagnata da un bellissimo mare, con la sua estremità appuntita sembra quasi entrare nel delta del fiume Neretva. L’attrattività dell’isola è stata individuata da numerose famiglie della città di Pharos nel Mar Egeo, quando nel 385 a.C. fondarono sull’isola di Hvar la loro colonia. Proprio dal nome della loro città Pharos deriva il nome odierno dell’isola. Quest’isola baciata dal sole è il posto ideale in cui potete gettare uno sguardo nello scrigno contenente un inesauribile patrimonio storico, una natura lussureggiante e l’occasione di numerose avventure.

Quando approdate all’isola di Hvar, respirate il profumo del sale e della lavanda, assaporate i frutti di Starigradsko polje, ovvero la piana di Stari Grad, dal 2008 inserito nel patrimonio dell’umanità dell’UNESCO per il paesaggio greco antico meglio conservato. Qui potete dimenticare la quotidianità permettendo all’isola di raccontarvi la sua storia e la sua vita. È molto probabile che, arrivando dalla costa, approdiate a Stari Grad (che significa ‘vecchia città) e lì diventerete parte di una storia che dura da più di 2300 anni. La lunga storia di Stari Grad vi porterà a fare due passi nelle vie della città vecchia, tra case di pietra, dalle quali spesso si sentono i profumi della cucina dalmata, mentre sulla soglia di casa un vecchio pescatore dalle mani screpolate tesse la sua rete. Non dovete sorprendervi, questa graziosa scena mediterranea è qualcosa che mantiene viva la tradizione degli isolani.

Se volete continuare a contemplare scene come questa, trovatevi un posto in una delle tante konobe di Hvar, tra i muri di pietra di Stari Grad e offrite al vostro palato i frutti del Mare Adriatico! Addolcitevi con gli Starogrojski paprenjaci ovvero biscotti al pepe di Stari Grad, e assaggiate il Plavac mali, varietà autoctona di vino dalmato. La coltivazione ecologica dell’olivo e della vite, vengono tramandata da millenni quasi invariate danno un’olio di eccellente qualità e un vino con un bouquet estremamente ricco dall’aroma di intensità delicata.

Durante la vostra visita a Stari Grad ciò che non dovete perdervi è il Palazzo Ettoreo (Gradina Tvrdalj), villa fortificata del poeta rinascimentale Petar Hektorović, la cui costruzione occupò una buona parte della sua vita. In essa realizzò la sua idea di microcosmo che consiste nel racchiudere in uno spazio ristretto lo specchio di un mondo più vasto, dove tutti gli esseri viventi trovino il loro spazio per vivere: pesci, uccelli, piante e uomini. La villa non rappresenta solo un cosmo compiuto, ma anche un libro in pietra dove sui muri di pietra sono riportate più di venti incisioni in latino e in croato. Fatelo diventare anche vostro rifugio culturale!

Nel pacchetto turistico accanto a stari Grad trovate anche la città di Hvar, pietra preziosa accuratamente molata, che nella parte sud dell’isola assorbe paziente ogni raggio di sole che accarezza le sue facciate di pietra. In questa parte dell’Adriatico potete viaggiare da un’isola all’altra e nei secoli. Perché non imbarcarvi per le Isole Dannate, in croato Paklinski otoci? Divinamente sparse in un mare cristallino, vigilano l’entrata del porto della città di Hvar.

Ascoltate il silenzio delle insenature piene di mistero, sentite il profumo delle vaste distese di lavanda ed erbe aromatiche, ammirate l’incomparabile bellezza delle vigne e degli olivetti e capirete perché l’isola di Hvar è considerata una tra le 10 isole più belle del mondo!

Appoggia la mano sulla pietra con le incisi secoli, assapora la dolce e profumata tradizione dell’isola! Sull’isola di Hvar si respira l’armonia tra l’uomo, la natura ed il tempo, grazie ad essa si è creata un’oasi di cultura e di ispirazione per una vacanza perfetta.